Può la tecnologia aiutarci a cercare Dio? La domanda è interessante. Di per sé la tecnologia non è un danno per l’uomo.
Grazie ad essa l’uomo è stato capace di compiere dei “miracoli” come nel caso della medicina: sofisticati macchinari permettono a molte persone di curarsi e di allungare la propria esistenza. Molti malati della Bibbia (ciechi, storpi, donne sterili, ecc.) avrebbero trovato la guarigione con l’evoluzione scientifica della medicina moderna.La tecnologia inoltre ci alleggerisce dalle fatiche quotidiane, riduce i tempi di produzione delle industrie, ci regala molto tempo libero permettendoci così di curare altri interessi.
La tecnologia influenza e orienta le nostre esistenze verso un futuro che non sempre sappiamo guardare serenamente; se da un lato ne lodiamo i benefici, dall’altro ne vediamo anche le potenzialità distruttive per l’ambiente e la vita stessa. La tecnologia incoraggia e spaventa allo stesso tempo.E Dio dove si trova? Potremmo parlare di un Dio tecnologico? Le religioni monoteiste non hanno ignorato l’evoluzione tecnologica, essa è diventata un alleato della vita spirituale di molti fedeli. Ci sono applicazioni che permettono di leggere le letture della Messa così come la Bibbia in formato digitale, altre che ricordano l’orario della preghiera per i musulmani o il calendario delle festività ebraiche. Oggi i fedeli di tutto il mondo pregano con lo smartphone, la stessa Chiesa Cattolica ha da tempo aperto le porte alla comunicazione digitale. Celebre fu la foto che ritraeva Papa Giovanni Paolo II inviare, dal suo computer, una mail contenente l’esortazione apostolica “Ecclesia in Oceania” (22/11/2001). Senza dimenticare Carlo Acutis: la sua storia di fede e di evangelizzazione ha avuto come mezzo principale proprio il computer.

Meglio non credere in un Dio seduto al computer, di sicuro però i suoi fedeli lo hanno fatto entrare nel mondo del digitale. Nonostante le tante innovazioni e i progressi velocissimi di questi ultimi decenni, l’uomo si porta dentro sempre le stesse inquietudini e domande ma con una variabile importante: abbiamo bisogno di condividere e allargare le nostre esperienze sia sensoriali che spirituali. Guardare un tramonto non basta più, bisogna condividerlo. Assistere alla scomparsa di un nostro caro così come alla nascita di un figlio non è più esperienza intima e privata, bensì un evento che diventa pubblico. La tecnologia è complice di questo meccanismo e può diventare pericolosa per l’uomo quando lo distoglie dal vivere nella pienezza le proprie esperienze umane. A differenza degli altri esseri viventi come gli animali. Tutto questo non può fermarsi ad una conversione in bit, dobbiamo necessariamente andare oltre se vogliamo ancora emozionarci ed essere umani. Dio accetterà di buon grado una preghiera sia se recitata attraverso uno smartphone sia se recitata leggendo il breviario (il libro che i sacerdoti utilizzano per la preghiera personale e comunitaria); sarà importante staccare lo sguardo dallo schermo, fermare le dita che scorrono veloci sulla tastiera e guardare oltre, gustando quel momento di intimità e di silenzio con il Cielo.

1. Il rapporto fra tecnologia e religione (dal punto di vista di un laico)

Molti laici e non credenti di vario genere tendono a considerare la religione e la scienza come fondamentalmente incompatibili. Questa incompatibilità è immaginata estendersi anche al rapporto tra religione e tecnologia, poiché la tecnologia è un prodotto della scienza e la scienza non può procedere senza tecnologia, soprattutto oggi. Così molti atei si meravigliano increduli di quanti ingegneri siano anche creazionisti e di quante persone nelle industrie ad alta tecnologia mostrino motivazioni religiose ad alta energia.

Perché assistiamo a un diffuso incanto con la tecnologia e allo stesso tempo si è verificata una rinascita mondiale del fondamentalismo religioso? Non dovremmo presumere che l'ascesa di entrambi sia semplicemente una coincidenza. Invece di presumere che l'istruzione e la formazione alla base della scienza e della tecnologia debbano sempre tradursi in più scetticismo religioso e anche un po' di più ateismo , dovremmo chiederci se forse le osservazioni empiriche stiano effettivamente smentendo le nostre idee. Gli atei sono spesso pronti a criticare i credenti per non aver affrontato prove che non soddisfano le aspettative, quindi non cadiamo nella stessa trappola.Forse ci sono impulsi religiosi alla base della spinta della tecnologia che ha caratterizzato la modernità - impulsi religiosi che potrebbero influenzare anche gli atei laici, se non sono abbastanza consapevoli di sé da notare cosa sta succedendo. Tali impulsi potrebbero impedire che tecnologia e religione siano incompatibili. Forse la stessa tecnologia sta diventando religiosa da sola, eliminando così anche le incompatibilità.Entrambe le possibilità dovrebbero essere esplorate. Entrambi possono accadere da centinaia di anni, ma le chiare basi religiose per il progresso tecnologico sono ignorate o nascoste come parenti imbarazzanti.

L'entusiasmo che così tante persone hanno avuto con la tecnologia è spesso radicato, a volte inconsapevolmente, nei miti religiosi e nei sogni antichi. Questo è un peccato perché la tecnologia si è dimostrata capace di causare terribili problemi all'umanità, e una delle ragioni potrebbe essere gli impulsi religiosi che le persone stanno ignorando

La tecnologia, come la scienza, è un segno distintivo della modernità e se il futuro deve migliorare, alcune premesse elementari dovranno essere identificate, riconosciute e, auspicabilmente, eliminate

Per mille anni nella cultura occidentale, il progresso delle arti meccaniche - la tecnologia - è stato ispirato da profondi desideri religiosi di trascendenza e redenzione. Sebbene attualmente oscurata dal linguaggio e dall'ideologia secolare, la rinascita contemporanea della religione, persino del fondamentalismo, accanto e di pari passo con la tecnologia non è quindi un'aberrazione, ma semplicemente la riaffermazione di una tradizione dimenticata. Se non riconosci e non capisci come la trascendenza religiosa e tecnologica si sono sviluppate insieme, non sarai mai in grado di contrastarle con successo, tanto meno riconoscere quando potrebbero svilupparsi anche dentro di te.

1.1 Scienza medievale e religione medievale

Il progetto di avanzamento tecnologico non è uno sviluppo recente; le sue radici possono essere rintracciate nel Medioevo — ed è anche qui che si sviluppa il legame tra tecnologia e religione. La tecnologia venne identificata specificamente con la trascendenza cristiana di una parola peccatrice e la redenzione cristiana da una natura umana caduta.  All'inizio dell'era cristiana, nulla di simile era considerato. ha scritto in La Città di Dio che 'abbastanza a parte quelle arti soprannaturali di vivere in' virtù e raggiungere la beatitudine immortale', niente che gli umani possano fare può offrire alcun tipo di conforto per una vita condannata alla miseria. Le arti meccaniche, non importa quanto avanzate, esistevano solo per aiutare gli umani caduti e nient'altro. La redenzione e la trascendenza potevano essere raggiunte solo attraverso la grazia immeritata di Dio.Questo cominciò a cambiare nell'Alto Medioevo. Sebbene la ragione sia incerta, lo storico Lynn White ha suggerito che l'introduzione dell'aratro pesante intorno alla fine dell'VIII secolo nell'Europa occidentale potrebbe aver avuto un ruolo. Siamo abituati all'idea della sottomissione dell'umanità all'ambiente, ma dobbiamo ricordare che le persone non hanno sempre visto le cose in questo modo. Nella Genesi, all'uomo era stato dato il dominio sul mondo naturale, ma poi peccò e lo perse, e da allora in poi dovette guadagnarsi la strada 'col sudore della sua fronte'.Con l'aiuto della tecnologia, tuttavia, gli umani potrebbero riconquistare parte di quel dominio e realizzare cose che non potrebbero mai avere da soli. Invece che la Natura sia sempre all'altezza dell'umanità, per così dire, la relazione tra l'umanità e la Natura è stata invertita: la capacità della macchina di lavorare è diventata il nuovo standard, consentendo alle persone di sfruttare ciò che avevano. L'aratro pesante potrebbe non sembrare un grosso problema, ma è stato il primo e importante passo nel processo.

Successivamente, macchine e arti meccaniche iniziarono a essere rappresentate nell'illuminazione monastica dei calendari, in contrasto con l'uso precedente di immagini esclusivamente spirituali. Altre illuminazioni raffigurano progressi tecnologici che aiutano i giusti eserciti di Dio mentre l'opposizione malvagia è descritta come tecnologicamente inferiore. Può essere qui che vediamo i primi viticci di questo cambiamento di atteggiamento prendere piede e la tecnologia diventare un aspetto della virtù cristiana.Semplicemente: ciò che era buono e produttivo nella vita veniva identificato con il sistema religioso prevalente.

1.2 Scienza monastica

I principali promotori dell'identificazione della religione con la tecnologia furono gli ordini monastici, per i quali il lavoro era già effettivamente un'altra forma di preghiera e culto. Ciò era particolarmente vero per i monaci benedettini. Nel VI secolo, le arti pratiche e il lavoro manuale furono insegnate come elementi vitali della devozione monastica con lo scopo in ogni tempo era la ricerca della perfezione; il lavoro manuale non era fine a se stesso ma veniva sempre svolto per ragioni spirituali. Le arti meccaniche - la tecnologia - si inseriscono facilmente in questo programma e quindi anch'essa è stata investita di uno scopo spirituale.È importante notare che secondo la patristica prevalente teologia , gli umani erano divini solo nella loro natura spirituale. Il corpo era caduto e peccaminoso, quindi la redenzione poteva essere raggiunta solo trascendendo il corpo. La tecnologia ha fornito un mezzo a questo consentendo a un essere umano di ottenere molto di più di quanto fosse altrimenti fisicamente possibile.
La tecnologia fu dichiarata dalla filosofa carolingia Erigena (che coniò il termine arti meccaniche, arti meccaniche) per essere parte della dotazione originale dell'umanità da parte di Dio e non un prodotto del nostro stato successivo decaduto. Ha scritto che le arti sono 'i legami dell'uomo con il Divino, e coltivarle un mezzo per la salvezza'. Attraverso lo sforzo e lo studio, i nostri poteri pre-caduta potrebbero forse essere riconquistati e quindi saremmo sulla buona strada per raggiungere la perfezione e la redenzione. Sarebbe difficile sopravvalutare l'importanza di questo cambiamento ideologico. Le arti meccaniche non erano più semplicemente una necessità grezza per gli umani caduti; invece, erano diventati cristianizzati e investiti di un significato spirituale che sarebbe cresciuto solo nel tempo.


1.3 Millenarismo meccanico

Lo sviluppo del millenarismo nel cristianesimo ha avuto anche un impatto significativo sul trattamento della tecnologia. Per Agostino, il tempo era lento e immutabile: il record di umani caduti che non andavano da nessuna parte, in particolare, in tempi brevi. Per così tanto tempo, non c'era traccia chiara e tangibile di alcun tipo di progresso. Lo sviluppo tecnologico ha cambiato tutto questo, soprattutto una volta che è stato identificato come avente importanza spirituale. La tecnologia poteva, in modi che tutti vedevano e sperimentavano in prima persona, assicurare che l'umanità stava migliorando la sua posizione nella vita e stava avendo successo sulla natura.Si è sviluppata una mentalità da 'nuovo millennio', che fa esplicito uso dei frutti della tecnologia. La storia umana è stata ridefinita lontano dal concetto agostiniano di tempo faticoso e lacrimoso e verso una ricerca attiva: tentativi di raggiungere la perfezione. Non ci si aspettava più che le persone dovessero affrontare passivamente e ciecamente una storia desolante. Invece, ci si aspetta che le persone lavorino consapevolmente per perfezionarsi, in parte attraverso l'uso della tecnologia.

Più le arti meccaniche si sviluppavano e la conoscenza aumentava, più sembrava che l'umanità si avvicinasse alla fine. Cristoforo Colombo, ad esempio, pensava che il mondo sarebbe finito a circa 150 anni dalla sua epoca e si considerava addirittura coinvolto nell'adempimento delle profezie della fine dei tempi. Ha avuto una mano sia nell'ampliamento della tecnologia marina che nello sviluppo della conoscenza grezza con la scoperta di nuovi continenti. Entrambi sono stati considerati da molti come importanti pietre miliari sul percorso verso la perfezione.

1.4 Scienze dell'Illuminismo e religione dell'Illuminismo

L'Inghilterra e l'Illuminismo hanno giocato un ruolo importante nello sviluppo della tecnologia come mezzo materiale per fini spirituali. La soteriologia (lo studio della salvezza) e l'escatologia (lo studio della fine dei tempi) erano preoccupazioni comuni nei circoli dotti. La maggior parte degli uomini istruiti prese molto sul serio la profezia di Daniele che 'molti correranno avanti e indietro e la conoscenza aumenterà' (Daniele 12:4) come segno che la Fine era vicina.I loro tentativi di aumentare la conoscenza del mondo e migliorare la tecnologia umana non facevano parte di un programma spassionato per conoscere semplicemente il mondo, ma invece per essere attivi nelle aspettative millenarie dell'Apocalisse. La tecnologia ha svolto un ruolo chiave in questo come mezzo attraverso il quale gli umani hanno riguadagnato il dominio sul mondo naturale promesso nella Genesi ma che l'umanità ha perso nella caduta. Come osserva lo storico Charles Webster, 'I puritani pensavano sinceramente che ogni passo nella conquista della natura rappresentasse un passo verso la condizione millenaria'.

2. Quale nesso tra fede e tecnologia?

Il binomio Cristianesimo e intelligenza artificiale si riferisce a un argomento che non può essere contenuto nelle poche righe di questo contributo, ma rivela – il verbo è scelto – l’esistenza di un nesso attendibile dal punto vista credente e culturale tra la fede in Gesù Cristo e l’intelligenza artificiale.Dobbiamo partire dall’inizio: in teologia ciò che è affermabile di Dio e segnatamente di Cristo, deve fare sempre i conti con la Scrittura, essa rappresenta il vincolo di ortodossia di ogni ragionamento e ipotesi articolabile. Dal punto di vista epistemologico non deve stupire questo atteggiamento: ogni scienza nasce da alcuni a priori, da assiomi che la fondano. La teologia non si distingue in questo. Dobbiamo quindi indagare se esista nella Scrittura un nesso tra quanto è di Cristo e quanto noi sappiamo rispetto all’intelligenza artificiale o, per meglio favorire la comprensione, più in generale rispetto alla tecnologia.

È importante notare come nella Bibbia, a differenza di altre tradizioni religiose, non vi sia alcun accenno a intelligenze artificiali, manufatti pensanti o a robot. A differenza della mitologia greca (Prometeo, Pandora, Talos, gli androidi dell’Iliade e dell’Odissea), di quella ebraica (Golem) o di quella cinese taoista (Libro del Vuoto Perfetto) non c’è traccia di una tecnologia che sostituisce l’essere umano, di una tecnologia post umana. Ma vi è invece tanta tecnologia, tantissima, ed in momenti e ruoli strategici. Il punto centrale della vicenda divino-umana di Gesù è, come sappiamo, la sua morte di croce a cui fa seguito la risurrezione. È la Pasqua cristiana, il passaggio dalla morte alla vita che si innesta nella Pasqua ebraica che ricorda il passaggio dalla schiavitù d’Egitto alla vita nella terra promessa. In entrambi i casi la tecnologia è sullo sfondo, nel senso che letteralmente è il foglio sopra il quale si “scrive” la salvezza. Nella Pasqua ebraica l’angelo sterminatore, che conclude le piaghe d’Egitto, risparmia e dunque salva quelle famiglie la cui porta – tecnologia – è cosparsa del sangue dell’agnello del sacrificio. Sarà il sangue di un altro agnello sacrificale, Cristo, che salva tutta l’umanità da ogni forma di male distruggendo il peccato, quel sangue è sparso su di una croce, nuovamente una forma di tecnologia.

Cosa possiamo leggere in questi segni? Che la vita piena dell’essere umano nasce dall’alleanza tra Dio e l’essere umano anche là dove egli si esprime tecnologicamente, nella sua cultura tecnologica. A rafforzare questa tesi è lo stesso mestiere di Cristo che, figlio del falegname è falegname egli stesso. Il termine greco usato nei vangeli è anche più che falegname: è carpentiere, scalpellino, artigiano: un ventaglio semantico che raccoglie tutti i mestieri che al tempo di Gesù erano i mestieri tecnologici. Non possiamo in questa sede che fermarci qui e dire che il cristianesimo, sin nella vita di Colui che ne è il fondamento, ha un legame con le tecnologie e con il senso che esse possono rappresentare. Tornando dunque all’intelligenza artificiale ed il suo rapporto con il Cristianesimo possiamo qui sottolineare un aspetto fondativo che si desume dall’insegnamento e dalla vita concreta di Cristo.La condizione per essere suoi discepoli Gesù la esplicita così: “Se qualcuno vuol venire dietro di me rinneghi sé stesso, prenda la sua croce e mi segua”. Colui che decide di seguire Cristo sceglie un distacco dalla propria vita che dovrà mantenere nel concreto e nel corso dell’esistenza sino all’ineludibile morte. Questo atteggiamento garantisce la vita eterna nel futuro, un perdere per acquistare dunque, ma per un bene che si consuma nella storia. Brevemente il significato della pericope, soprattutto nel Vangelo di Marco sta a dire: Cristo ha portato un messaggio di riconciliazione tra Dio e l’umanità e per l’umanità, affinché viva una fratellanza ed una comunione piena. Questo messaggio è osteggiato e sempre lo sarà nella storia perché nella divisione tra Dio e l’essere umano e tra gli esseri umani tra loro ci sarà chi ne trarrà vantaggio. Quindi essere discepoli significa spendere la propria vita affinché personalmente e come umanità vi possano essere le condizioni di comunione tra l’essere umano e Dio e, a partire da questa comunione fontale che sostiene nell’amore e nella pace, vi possa essere comunione degli esseri umani tra loro.

Costi quello che costi, anche la vita, come dimostra la storia di sempre in cui i cristiani sono la categoria sociale più perseguitata e che paga il più alto prezzo di sangue, sia ieri sia purtroppo anche oggi. Quale etica dell’intelligenza artificiale ne consegue? Un’etica che comporti una intelligenza artificiale che generi inclusione e comunione. Una potenza computazionale che è servizio, che non diventi un idolo a cui asservire ogni attività umana. Un’Ai per l’uomo che non esclude l’umano, un’AI che resta mezzo e non diventa fine, uno sviluppo ed una ricerca che siano antropici – cioè custodi dell’umano anche nella sua integrità. La cristologia richiama anche la comunione con Dio che non può essere confusa con una generica comunione con un tutto cosmico o che si sublima nella comunione con l’umanità. Rispetto all’etica dell’AI questo significa l’onestà e la chiarezza nel definire non solo quello che l’AI è, ma anche quello che non è e che non sarà. In un clima mistico religioso in cui si confonde spesso la materia con il trascendente e l’immateriale con il metafisico, urge dare a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio.

3. Gli attuali strumenti di informazione e di comunicazione della Chiesa

Il rapporto tra Chiesa e moderne tecnologie negli ultimi anni ha conseguito un significativo sodalizio. L’immagine di una Chiesa dallo spirito ortodosso, ancorata a tradizioni e rituali millenari, sta lasciando spazio ad una Chiesa molto più al passo coi tempi, che non vuole restare indietro mentre il resto del mondo avanza in un’unica direzione: quella del progresso tecnologico.

Quando si parla della Chiesa è inevitabile parlare del suo massimo rappresentante in terra: Papa Francesco. Il Pontefice sembra essere il perno su cui sta ruotando il cambiamento. Famoso per le sue battaglie e per le sue prese di posizione che stanno in qualche modo segnando un’epoca nella storia della religione (tra tutte la sua totale apertura verso gli omosessuali, la solidarietà e le opere di bene fatte per i migranti) Francesco ha creato consenso e clamore attorno a sé dimostrandosi un vero rivoluzionario.

l suo spirito progressista ha necessitato di pochissimo tempo per approdare al mondo dei social: il Papa è attivo su Facebook, su Instagram e Twitter, dove può vantare migliaia di fan in tutto il mondo. Egli ha ben compreso che i nuovi media sono strumenti efficaci per diffondere la Parola di Dio.Il Papa infatti condivide sui social informazioni riguardanti le attività della Chiesa, pensieri e stati d’animo sulle questioni che ha più a cuore, passi della Bibbia e foto che ritraggono le opere di carità e le iniziative della Chiesa nel mondo.

Diverse app di stampo religioso sono state create per la divulgazione del culto e della Parola di Dio: andiamo a vederle nel dettaglio:

CEI

Creata da Seed-edizioni informatiche, CEI è un’app che si sostituisce al breviario cartaceo utilizzato ogni giorno da fedeli, sacerdoti e laici per pregare nei diversi momenti della giornata. Esso contiene vari passi della Bibbia, salmi e testi da consultare a seconda dell’ora: al mattino le Lodi, nel pomeriggio l’Ora media, la sera i Vespri e la notte la Compieta. Scaricabili gratuitamente sul proprio smartphone, i files sono disponibili anche in versione audio.

SINDR

Sindr è un’app interamente di stampo cattolico. Essa è stata voluta fortemente da Leo Cushley, Arcivescovo di St. Andrews ed Edimburgo. Fomentato dalle parole di Papa Francesco che spingevano i prelati e gli uomini di Chiesa ad adoperare la creatività nelle loro missioni, Leo Cushley ha richiesto personalmente, annunciandolo anche in piazza San Pietro, lo sviluppo dell’app. Creata da Musemantik, l’app permette di localizzare su una mappa tutte le chiese presenti nelle vicinanze dell’utente, dove potersi confessare o partecipare alla Santa Messa. L’app inoltre tiene una statistica delle attività del fedele sulle proprie azioni rituali religiose. L’obiettivo è essere sempre più presente nella vita dei fedeli e avvicinare alla Chiesa il maggior numero di persone.

ASORIBA

Asoriba è un’app sviluppata da 4 ragazzi del Ghana: Jesse, Nana, Saviour e Patrick. Essa permette ai fedeli di prenotare preghiere, essere aggiornati in tempo reale sugli appuntamenti che dà il pastore, scambiarsi informazioni e commenti con gli altri membri della comunità e pagare la “decima”.Questa è una tassa che ogni fedele paga al suo pastore e corrisponde al 10% del suo reddito. Pagando questa imposta i fedeli divengono parte di una congregazione; in Sud Africa ciò è fondamentale: chi non appartiene a nessuna congregazione rischia rappresaglie e viene spesso emarginato. L’app ha riscosso un successo enorme, sia per il copioso numero di chiese e confraternite presenti sul territorio, sia per il forte impatto che ha la religione nel continente, ma soprattutto per lo sviluppo tecnologico che vede l’Africa protagonista in questi anni: la telefonia mobile ha creato in Africa nel 2015 quasi 4 milioni di posti di lavoro. Asoriba è presente anche su Facebook e Twitter.Ma di app riguardanti la Chiesa ce ne sono molteplici: “Popes” illustra la storia millenaria dei Pontefici romani al costo di 0,99 dollari. “Mea culpa” in cui per 1,99 dollari il fedele in vista della confessione effettua un check up digitale dei propri peccati. “Virgin Mary” che offre centinaia di foto della Vergine con preghiere da rivolgerle. “Holy Rosary Deluxe” il Santo Rosario digitale che offre immagini sacre, dotato di vibrazione allo scorrere di ogni grano.Insomma, dopo aver inaugurato il portale http://www.pope2you.net/ nel 2009, il Vaticano è entrato ufficialmente nel mondo del web, e i milioni di fedeli che queste iniziative hanno avvicinato al Culto, sono una risposta sufficiente alla fruttuosa unione di tecnologia e Chiesa.